+

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Accetto la normativa della privacy.

Condifesa Venezia
Condifesa Venezia
Condifesa Venezia
Condifesa Venezia

SOS mais e frumento: obiettivo: recuperare le varietà in estinzione

Il patrimonio agricolo e biologico dei cereali tradizionali è a forte rischio. Da decenni la monocultura intensiva e le esigenze delle industrie alimentari hanno causato un abbandono delle varietà soriche di mais e frumento. Spetta ora agli agricoltori custodire queste sementi.

A COSA È DOVUTA LA SCOMPARSA DELLE VARIETÀ DEI CEREALI?

La monocultura intensiva e l’industria alimentare sono le principali cause di questo fenomeno. La progressiva sostituzione di antiche varietà di cereali con nuove costituzioni di frumento, orzo e mais sempre più produttivi, resistenti alle malattie e a basso costo, ha causato una profonda erosione genetica.

Oggi in piccole nicchie sopravvivono decine di antiche varietà di cereali grazie al lavoro di coltivatori custodi di un patrimonio ricchissimo, ma fragile, che ogni varietà di cereale possiede. E’ opportuno quindi tutelare questa preziosa eredità, conservando le varietà raccolte e classificate sin ora sia nella zona di coltivazione che in apposite collezioni.

RICERCA E FORMAZIONE RIGUARDO AI CEREALI DEI NOSTRI NONNI

La coltivazione di queste antiche sementi riprende le tradizioni appartenenti ai nostri nonni: un passato abbandonato, che ora necessita di essere riscoperto e valorizzato. La Regione del Veneto attualmente lavora al progetto di ricerca BIONET (2017-2022) delle antiche varietà di cereali del Veneto.

Attualmente le attività di conservazione delle antiche varietà di mais e di cereali autunno-vernini si svolgono presso 8 centri di conservazione. Questi centri possono essere visitati, in particolare da tecnici e agricoltori, per studiare la conservazione e moltiplicazione delle accessioni di cereali.

Le strutture visitabili che partecipano al progetto sono:

– Veneto Agricoltura – Aziende pilota e dimostrativa “Sasse Rami” Ceregnano (RO);

– Provincia di Vicenza con l’Istituto di Genetica e Sperimentazione Agraria “N. Strampelli” di Lonigo (VI);

– Istituto Agrario “A. Della Lucia” di Feltre (BL);

– Istituto Agrario “Duca degli Abruzzi” di Padova;

– Istituto Agrario “Domenico Sartor” di Castelfranco Veneto (TV);

– Istituto Agrario “Stefani-Bentegodi” di Buttapietra (VR);

– Istituto Agrario “Alberto Parolini” di Bassano del Grappa (VI);

– Istituto Agrario “8 marzo – K. Lorenz” di Mirano (VE);

– Istituto Agrario “Viola Marchesini” di Sant’Apollinare (RO).

Tra le varie tipologie di mais in conservazione vi sono sementi dai nomi importanti: Pignoletto d’oro, Nostrano dell’isola, Cinquantino locale della pianura, Cinquantino S. Fermo, Cinquantino rosso, Biancoperla, Righetta del Piave, Sponcio, Cinquantino della Castellana, Biancoperla.

Mentre tra i cereali autunno-vernini figurano nomi insoliti, ma con una storia e delle caratteristiche secolari alle loro spalle come: Brenellano, Guà 113, Terminillo, Ardito, Autonomia B, Abbondanza, Leone, Farro aristato Paganuzzi, Canove, Piave, Gentil rosso 48, Triticum spelta, Orzo agordino, Mentana, Grano del miracolo, Sabina, Giuliari, Triticum monococcum Haermanni, Canove, Cologna 12, Libellula, Lontra.

VARIETÀ DI MAIS E FRUMENTO: QUALI VANTAGGI?

Il Dr. Teofilo Vamerali (docente di Coltivazioni Erbacee presso l’Università di Padova) afferma: ”Esistono circa 280 varietà di frumento e circa 90/95 varietà di mais”.

La bassa concentrazione di glutine, il sapore più vero, complesso, aromatico ed infine l’alta digeribilità, rendono questi cereali ricchi di potenzialità. Sono quindi cereali pregiati, indicati per intolleranze e diete specifiche.

QUALI SONO LE SFIDE PER IL FUTURO?

Purtroppo la preservazione di queste antiche varietà di cereali è sfavorita in quanto la produzione è poco redditizia per gli agricoltori e per le industrie alimentari. Ma l’intento futuro è di investire nella produzione di questi cereali, creando filiere a elevato valore aggiunto.

Per scoprire di più in merito alla coltivazione di queste antiche sementi, restate connessi al nostro sito.