+

Iscriviti alla nostra Newsletter!

Accetto la normativa della privacy.

Condifesa Venezia
Condifesa Venezia
Condifesa Venezia
Condifesa Venezia

Novembre, tempo di zucche

L’autunno è la stagione dei colori più affascinanti non solo in cucina ma anche nelle nostre tavole. Fra le verdure di stagione più amate figurano senz’altro le zucche, che in Veneto abbondano per varietà e tipologie. Scopriamole insieme!

La zucca e le sue proprietà organolettiche

Il suo colore aranciato suggerisce già un’abbondante presenza di vitamina C, ma questo è solo uno dei tanti pregi di questa cucurbitacea. Migliora la circolazione, sazia senza appesantire, combatte la ritenzione idrica e attenua ansia e insonnia. La gamma dei principi organolettici è infatti molto ampia: vitamina A, B, C, betacarotene, triptofano, omega3, la zucca è un elisir di benessere. E come se non bastasse è tutto a bassissimo contenuto calorico! Sono solo 26 calorie per 100 grammi.

Le tipologie di zucca diffuse in Veneto sono tante e ognuna con una nota di sapore differente, ecco le principali.

La zucca Marina di Chioggia

Il suo aspetto la rende riconoscibile in modo istantaneo: è verde, tondeggiante ma schiacciata ai poli e ha una scorza tutta bitorzoluta: è una delle grandi protagoniste delle nostre tavole. Conosciuta anche come Suca Baruca è uno dei fiori all’occhiello della cucina veneta. Grazie infatti ai terreni ricchi di salsedine in cui viene coltivata, il suo gusto è unico e inconfondibile.

La zucca Violina

Si tratta di una delle zucche più diffuse nel nostro territorio anche se la sua provenienza originaria sembra collocarsi nel sud America tra Messico e Perù. La sua consistenza vellutata la rende ideale per risotti e creme. I gourmand più esperti sostengono che le più buone abbiano un retrogusto di nocciola.

La zucca Delica

Questa zucca è un caso davvero speciale per i coltivatori. Rispetto infatti alle altre varianti, è possibile trovarla negli scaffali già in estate in quanto è molto precoce. Tondeggiante, dalla buccia verde e poco rugosa, ha un sapore molto dolce che la rende particolarmente appetibile per i più piccoli. In realtà le origini di questa variante non sono proprio venete ma vengono dal lontano oriente. Tuttavia oggi è molto diffusa anche nel nostro territorio.

Le zucche da intaglio

La recente diffusione della tradizione legata ai festeggiamenti per Halloween, ha determinato una nuova esigenza anche per il mercato delle zucche. Si tratta delle zucche cosiddette giganti da intaglio, di colore giallo/arancione, in genere non sono commestibili o almeno non propriamente adatte a questo scopo.