Sedi Operative: Padova 049 8077630 | Rovigo 0425 24477 | Venezia 041 971322

Fondi Mutualistici

COSA SONO E COME FUNZIONANO

Sono nuovi strumenti che prevedono la gestione condivisa di rischi climatici, fitosanitari e altri fattori di incertezza produttiva, attraverso riserve finanziarie costituite da versamenti annuali dei soci, per il ristoro delle perdite subite.

Aggiungono alla garanzia assicurativa Avversità atmosferiche la protezione dalle perdite dovute ad altri eventi in grado di compromettere il tuo raccolto come, ad esempio, i danni da animali selvatici, da fitopatie della vite e dei seminativi, da vento forte e trombe d’aria agli impianti arborei.

È un’iniziativa di Agrifondo Mutualistico (ente che raggruppa i Condifesa del Veneto e del Friuli Venezia Giulia dal 2010):

  • FORTEMENTE INNOVATIVA
  • NON ASSICURATIVA
  • CREATA DAGLI AGRICOLTORI PER GLI AGRICOLTORI

Grazie all’esperienza decennale di successo dei Fondi mutualistici propri non agevolati del Veneto e del Friuli Venezia Giulia a ristoro delle perdite subite a causa degli animali selvatici o delle trombe d’aria sugli impianti produttivi, siamo stati autorizzati, primi in Europa, a gestire: i Fondi Mutualistici sostenuti dai contributi comunitari PAC.

Dal 2019 infatti gli agricoltori soci dei Condifesa aderenti ad Agrifondo Mutualistico possono ottenere un contributo pubblico fino al 70% sulle quote di partecipazione alla copertura mutualistica agevolata.

I fondi mutualistici agevolati contro le avversità climatiche, le fitopatie e le epizoozie prevedono il pagamento delle compensazione dei danni ai soci nel caso di perdite di produzione superiori al 20% (soglia, come l’assicurazione). Agrifondo Mutualistico, soggetto formalmente riconosciuto dal Mipaaf, riceverà direttamente il contributo spettante ai soci aderenti alle iniziative mutualistiche agevolate. I Consorzi di difesa grazie al riconoscimento avuto dal Ministero, gestiscono i fondi mutualistici agevolati in modo complementare all’assicurazione, per garantire una maggior salvaguardia delle produzioni e del reddito delle aziende associate.

COSA SONO E COME FUNZIONANO

UVA DA VINO

  • FONDO AGEVOLATO UVA DA VINO PER FITOPATIE ED INFESTAZIONI PARASSITARIE
  • FONDO NON AGEVOLATO ANIMALI SELVATICI
  • FONDO NON AGEVOLATO STRUTTURE

FRUTTA

  • FONDO NON AGEVOLATO ANIMALI SELVATICI
  • FONDO NON AGEVOLATO STRUTTURE

SEMINATIVI

  • FONDO AGEVOLATO SEMINATIVI PER FITOPATIE ED INFESTAZIONI PARASSITARIE + PACCHETTO PLUS
  • FONDO NON AGEVOLATO ANIMALI SELVATICI
  • FONDO NON AGEVOLATO RISEMINA

ORTAGGI

  • FONDO NON AGEVOLATO ANIMALI SELVATICI
  • FONDO NON AGEVOLATO RISEMINA

I FONDI NON AGEVOLATI

Di seguito riportiamo una sintesi dei regolamenti.

FONDO MUTUALISTICO

DANNI DA ANIMALI SELVATICI

CHE COSA COPRE?

Il Fondo copre le perdite delle produzioni vegetali erbacee e arboree assicurabili causate dalla fauna selvatica, escluse le produzioni vivaistiche e tabacco.

Specie animali considerate:

  • Selvaggina: lepri e fagiani e altre minori
  • Volatili selvatici: corvi, cornacchie, gazze ecc.
  • Ungulati: cinghiali, cervi, caprioli, daini
  • Altro: colombi e nutrie

Copre i danni alle produzioni erbacee (seminativi e orticole) per perdita di produzione alla raccolta o maggiori costi di risemina, che si verificano sia nelle fasi di post semina (emergenza/attecchimento), con l’asportazione del seme e/o piante, che per i danneggiamenti subiti a causa della fauna selvatica nelle fasi successive sviluppo della coltura;

Copre i danni alle produzioni arboree (vigneti e frutteti) che si verificano durante tutte le fasi vegetative, dal germogliamento fino alla raccolta, per i danneggiamenti da fauna selvatica sia per perdita di produzione che per i danni alla pianta.

COSA E QUANDO RISARCISCE?

I seguenti importi:

Seminativi: fino a 300 €/ha per danni per risemina o per mancata produzione

Ortaggi: fino a 500 €/ha per danni per risemina o per mancata produzione

Uva e frutta: fino a 500 €/ha per danni che causano la perdita del prodotto coperto

Limite max annuale per azienda: 10.000 €

Scoperto: 10%

Rimborsi ridotti del 30% dell’importo netto erogabile nelle aree ad alto rischio; ridotti del 50% per le aziende con danni sistematici rimborsati nell’anno precedente.

FONDO MUTUALISTICO

RISEMINA

CHE COSA COPRE?

Il fondo risponde per danni da siccità, eccesso di pioggia, alluvione, che causano la mancata, insufficiente emergenza delle piante fino a 30 giorni dalla semina.

COSA E QUANDO RISARCISCE?

Il Fondo interviene in caso di risemina: con ristori fino a 300 €/ha

Dove abbiamo una riduzione dell’investimento ma non è possibile effettuare la risemina: con ristori fino a 300 €/ha

Limite max annuale per azienda: 10.000 €

Scoperto: 10%

Rimborsi ridotti del 50% per le aziende con danni sistematici rimborsati nell’anno precedente.

FONDO MUTUALISTICO

DANNI DA STRUTTURE E IMPIANTI ARBOREI 

CHE COSA COPRE?

Il Fondo copre gli:
impianti arborei: le piante, nonché le strutture di sostegno dei vigneti e frutteti, le reti antigrandine, gli impianti di irrigazione ed antibrina.

Al verificarsi delle seguenti avversità: uragani, bufere, trombe d’aria, vento (superiore a 63 km/h) e cose da essi trascinate.

COSA E QUANDO RISARCISCE?

Fino a 10.000 € complessivi per singola azienda, con i seguenti massimali:

Per i vigneti: fino a 2.000€/ha

Per i frutteti: fino a 2.500€/ha

Per danni alle reti antigrandine: fino a 1.000€/ha

Gli importi sono decrescenti in base all’anzianità delle reti e degli impianti.

I FONDI AGEVOLATI

Principali contenuti dei regolamenti.

FONDO MUTUALISTICO

UVA DA VINO

CHE COSA COPRE?

Il Fondo copre:
le perdite di produzione a causa delle principali fitopatie. In particolare: botrite, virosi, flavescenza dorata, mal dell’esca, oidio, peronospora.

Esclusivamente quando l’agricoltore abbia dimostrato di aver ottemperato con diligenza a quanto stabilito per la difesa fitosanitaria dalla Regione del Veneto – Friuli Venezia Giulia, in particolare ai Bollettini Fitosanitari, Linee Tecniche di Difesa Integrata dell’Uva da Vino, Disciplinari di Produzione Integrata (Tecniche agronomiche) dell’anno.

COSA E QUANDO RISARCISCE?

I danni complessivi da fitopatie (per azienda all’interno di un medesimo comune) devono risultare superiori al 20% della media produttiva storica dei vigneti (soglia).

Sono riconosciute le perdite di produzione, per singolo vigneto, fino ad un massimo di perdita pari alla percentuale del danno d’area (se riscontrata) più 10 punti percentuali.

Franchigia 20%;

Limite per partita: 30%del valore garantito;

Limite per azienda: stabilito annualmente dal Comitato.

FONDO MUTUALISTICO

SEMINATIVI

Questo fondo può operare sia in sinergia con la copertura assicurativa delle Avversità atmosferiche che in modo autonomo, sia per la protezione dai danni da fitopatie che per quelli da grandine, vento forte e eccesso di pioggia (seminativi +).

a) Collegato alla copertura assicurativa Avversità atmosferiche

CHE COSA COPRE?

Il Fondo copre:
le perdite di produzione a causa delle principali fitopatie. In particolare: botrite, virosi, flavescenza dorata, mal dell’esca, oidio, peronospora.

Esclusivamente quando l’agricoltore abbia dimostrato di aver ottemperato con diligenza a quanto stabilito per la difesa fitosanitaria dalla Regione del Veneto – Friuli Venezia Giulia, in particolare ai Bollettini Fitosanitari, Linee Tecniche di Difesa Integrata dell’Uva da Vino, Disciplinari di Produzione Integrata (Tecniche agronomiche) dell’anno.

COSA E QUANDO RISARCISCE?

I danni complessivi da fitopatie (per azienda all’interno di un medesimo comune) devono risultare superiori al 20% della media produttiva storica dei vigneti (soglia).

Sono riconosciute le perdite di produzione, per singolo vigneto, fino ad un massimo di perdita pari alla percentuale del danno d’area (se riscontrata) più 10 punti percentuali.

Franchigia 20%;

Limite per partita: 30%del valore garantito;

Limite per azienda: stabilito annualmente dal Comitato.

b) Con Avversità atmosferiche in garanzia (non collegato alla copertura assicurativa) Seminativi Plus

CHE COSA COPRE?

Produzioni: tutti i seminativi: cereali, oleoproteaginose, barbabietola da zucchero.

Il Fondo copre: le perdite di produzione a causa delle principali fitopatie, come: come asperegillus flavus, asperegillus parasiticus, carbone, fusariosi, ruggini, micotessine, diabrotica, elateridi, nottua, piralide;

Esclusivamente quando l’agricoltore abbia dimostrato di aver ottemperato con diligenza a quanto stabilito per la difesa fitosanitaria dalla Regione del Veneto – Friuli Venezia Giulia, in particolare ai Bollettini Fitosanitari, Linee Tecniche di Difesa Integrata, Disciplinari di Produzione Integrata (Tecniche agronomiche) dell’anno; delle Avversità atmosferiche: grandine, vento forte e eccesso di pioggia.

COSA E QUANDO RISARCISCE?

I danni complessivi da fitopatie (per azienda all’interno di un medesimo comune) devono risultare superiori al 20% della media produttiva storica dei vigneti (soglia).

Esclusivamente per i danni da fitopatie sono riconosciute le perdite di produzione per singolo appezzamento solamente se sono riscontrabili i medesimi danni (anche nella severità dei medesimi) su appezzamenti limitrofi o vicini di agricoltori che abbiano ottemperato scrupolosamente alle Linee Tecniche di Difesa Integrata, Disciplinari di Produzione Integrata (Tecniche agronomiche) delle Regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia. Se verificato il superamento di un valore limite (definito annualmente dal Comitato) che tiene in considerazione dei parametri climatici (apporti idrici, sommatoria di precipitazioni utili, temperature medie e massime) ed elementi fenologici/agronomici, può essere riconosciuto anche il danno di qualità sul prodotto residuo.

Franchigia: 15% per le Avversità atmosferiche; 20% per le Avversità biotiche (fitopatie); nel caso di concomitanza di danni da Avv. Atmosferiche e biotiche franchigia 15%;

Limite per coltura: 30% del valore garantito esclusivamente per le avversità biotiche;

Limite per azienda: stabilito annualmente dal Comitato.

CONDIZIONI GENERALI VALIDE PER TUTTI I FONDI (AGEVOLATI E NON)

CHI PUO’ ADERIRE?

Tutti i soci dei Condifesa di Veneto e Friuli V.G. aderenti all’Associazione Agrifondo Mutualistico.

QUALI SONO GLI OBBLIGHI DELL’ADERENTE?

  • Stipulare una copertura assicurativa
  • Sottoscrivere l’autocertificazione
  • Rispettare le buone pratiche agricole
  • Denunciare il danno entro 3 gg. dall’evento

Vista la grande utilità dimostrata nel corso degli anni da questo strumento (per fare un esempio solo nel 2022 sono stati quantificate compensazioni alle aziende aderenti ad Agrifondo Mutualistico per 2 Milioni di euro) con la stipula del certificato assicurativo si attiva anche un pacchetto mutualistico (al momento non valido per vivai e tabacco) ad un costo molto vantaggioso come riportato di seguito. Per chi non vuole aderire all’iniziativa deve comunicarlo al Condifesa entro e non oltre il 30 Giugno tramite PEC.

NB. Considerando l’evoluzione della normativa legata ai Fondi Agevolati, alla data odierna non siamo in grado di pubblicare i regolamenti definitivi dei Fondi. Ti preghiamo pertanto di consultare frequentemente il sito del tuo Consorzio di Difesa, che sarà costantemente aggiornato su tutte le novità legate alla campagna 2024!

Sede Amministrativa:
Via F.S. Orologio, 6
35129 - Padova

Tel: 049 8077630

Sede Legale:
Via G. Pepe, 142
30172 - Mestre

Tel: 041 971322

Sede di Padova:
Via F.S. Orologio, 6
35129 - Padova

Tel: 049 8077630

Sede di Rovigo:
Corso del Popolo, 449
45100 - Rovigo

Tel: 0425 24477

Sede di Venezia:
Via G. Pepe, 142
30172 - Mestre

Tel: 041 971322

Web & SEO: MP Web Consulting